Altitudine / mal di montagna

Guida fastidiosa in alta montagna

Petr Liška
Lei scrisse 2142 articoli e guarda lui/lei 188 i viaggiatori
Altitudine / mal di montagna
Inserito: 31.05.2016
© gigaplaces.com

Uno dei maggiori pericoli in alta quota è il cosiddetto mal di montagna o mal di montagna, che può causare non solo gravi problemi di salute ma anche la morte. È causato da un minore apporto di ossigeno al corpo a causa di una diminuzione della pressione atmosferica con l'aumentare dell'altitudine. Durante ogni trekking o salita in montagna in alta quota è quindi necessario dedicare del tempo al cosiddetto acclimatamento, grazie al quale si possono praticamente eliminare alcuni degli spiacevoli effetti del mal di montagna. Il tempo dedicato all'acclimatamento sarà sicuramente ripagato dal fatto che è molto più probabile che tu possa goderti i panorami migliori senza mal di testa.

Fasce di altitudine

L'effetto dell'altitudine sul corpo

  • Zona assolutamente sicura 0–2 500 m sul livello del mare: per la stragrande maggioranza delle persone, una zona completamente sicura dove gli effetti dell'altitudine sono quasi sconosciuti. – Zona sicura 2.500–3.300 m sul livello del mare: a tali altitudini, la maggior parte delle persone non acclimatanti registrerà di avere difficoltà a respirare durante l'arrampicata. Tuttavia, poche persone qui soffrono di altre spiacevoli manifestazioni di altitudine. – Zona a basso pericolo 3.300–4.000 m sul livello del mare: se dovessi dormire a tali altezze, dovresti già pensare all'acclimatamento. Se vai a tali altezze come parte di una scalata di un giorno e poi dormi „basso“, non devi affrontarlo. – Zona di pericolo 4.000–6.000 m slm: zona in cui i soggetti non acclimatati possono avere gravi sintomi di mal di montagna. Allo stesso tempo, però, è una zona in cui è ancora possibile acclimatarsi completamente e rimanere qui a lungo. I villaggi abitati più alti del mondo si trovano a circa 5.500 m sul livello del mare, ma gli abitanti che vivono qui hanno molti più globuli rossi rispetto alle persone che vivono ad altezze „normali“. – Zona molto pericolosa 6.000–8.000 m slm: zona in cui non è più possibile soggiornare a lungo termine a causa del progressivo degrado dell'organismo. Devi seguire un sofisticato piano di acclimatamento per le ascensioni in montagna. – Zona di morte a più di 8.000 m sul livello del mare: la maggior parte delle persone sopravvive qui solo con un respiratore. Dormire a una tale altezza è estremamente pericoloso. Insomma: non devi fare i conti con un'altezza fino a 4.000 metri sul livello del mare, quindi sì, soprattutto dormire. Il limite di quota veramente alta è di circa seimila metri sul livello del mare.

Fattori che migliorano / peggiorano la condizione

Cosa puoi fare per tollerare meglio l'altezza

  • ** Genetica: ** Sfortunatamente, la tua resistenza all'alta quota è in gran parte determinata geneticamente. Due trekker/alpinisti apparentemente identici che seguono lo stesso programma di acclimatamento possono risultare completamente diversi. Uno soffrirà di mal di testa nella tenda e l'altro scatterà ancora foto del tramonto da qualche parte alla vedetta. È l'ideale prima di mettersi alla prova gradualmente (3500–4000–4500, ecc.) all'interno di spedizioni individuali e non voler salire subito sugli 8.000 (anche se hai il lato tecnico). Se scopri di tollerare l'alta quota peggio di altri, devi pensare di più all'acclimatazione. Al contrario, se ti accorgi di essere „creato“ per l'alta quota, puoi accorciare il programma di acclimatamento a volte molto lungo. – ** Età: ** l'età ha anche un effetto sulla tolleranza alle alte quote. È più difficile per i bambini piccoli e i giovani. – ** Costituzione corporea: ** i muscoli consumano grandi quantità di ossigeno, quindi anche per questo le persone di alta quota sono meglio tollerate dalle persone muscolose rispetto a quelle muscolose. Quindi, se sai che tra qualche mese arriverai a grandi altezze, è decisamente meglio correre o andare in bicicletta piuttosto che andare in palestra per un allenamento di volume. – ** Disidratazione : L'aderenza a un buon regime di consumo è importante a tutte le altitudini, ma soprattutto in alta quota. Il sangue denso è meno difficile da fornire ossigeno al corpo (inoltre, c'è il rischio di più congelamento o coaguli di sangue). Inoltre, molte persone hanno soggettivamente meno bisogno di bere ad altitudini più elevate, quindi potrebbero aver bisogno di superare. – ** Freddo: ** effetto spesso abbastanza sottovalutato. L'inverno accelera il nostro metabolismo, quindi consumi anche più ossigeno. Se possibile e le condizioni naturali lo consentono, cerca di farti sentire soggettivamente ancora caldo. – ** Alcool: ** Il consumo di alcolici ad alta quota è generalmente sconsigliato. Grazie all'assorbimento dell'alcol nel sangue, si riduce anche la quantità di ossigeno assorbita. Allo stesso tempo, l'alcol disidrata il corpo. Inoltre, l'effetto dell'alcol è fino a 3 volte più forte ad alta quota che al livello del mare, quindi accelera notevolmente altri effetti negativi come la (non) certezza di camminare, che è assolutamente cruciale nei terreni montuosi. – **Cibo: in alta quota non è inoltre opportuno contenere pasti grassi. Il corpo non ha abbastanza ossigeno per convertire questo tipo di cibo in energia. I pasti leggeri con molto zucchero e minerali sono molto più adatti. – ** Meteo: ** Sorprendentemente, il tempo influisce anche sulla tolleranza dell'altitudine. L'alta pressione atmosferica – bel tempo – migliora l'ossigenazione. Al contrario, la bassa pressione – il maltempo – peggiora le cose. – **Velocità del proprio movimento: ** In alta quota, conviene non „correre“ e camminare lentamente. Le guide alpine esperte spesso impostano il passo di una lumaca durante l'arrampicata. Il movimento veloce si stanca e consuma principalmente molto ossigeno. – ** Muoversi da soli: ** È sempre meglio arrivare lentamente a quote più elevate da soli rispetto a quando qualcuno ti porta fuori dalla pianura da qualche parte in un passo di montagna. – ** Buona condizione fisica: ** L'allenamento di resistenza generalmente riduce il tempo necessario per l'acclimatamento. – ** Buona salute: ** Non tollerato per l'altitudine. Ma le cattive condizioni di salute, soprattutto nella zona respiratoria, combinate con l'alta quota possono portare complicazioni molto prima e significativamente peggio. // ** Insomma: ** // nascere con un buon equipaggiamento genetico, correre molto, avere più tendini che muscoli e un buon fisico. Scalare il bersaglio lentamente, idealmente con il bel tempo, vestirsi bene in modo da non avere freddo e bere molta acqua e senza alcol. Non andare in montagna malato.

Programma di acclimatamento

Come maturare in alta quota

Acclimatazione – mantra di tutti gli alpinisti o trekker che si muovono in alta montagna. L'essenza è solo un graduale aumento dell'altitudine, e quindi l'abitudine del corpo a un'allocazione di ossigeno significativamente inferiore. Se ti acclimatarai bene, eliminerai anche il mal di montagna e le sue manifestazioni spiacevoli e pericolose. La cosa bella è che l'acclimatazione a un'altitudine più alta dura individualmente fino a un anno. Altitudine ideale della prima notte: per il successo dell'intero trekking o della scalata in alta quota, di solito è più importante pianificare l'altezza di ogni notte. Le manifestazioni del mal di montagna di solito si intensificano di notte. La prima notte di ogni spedizione non dovrebbe essere superiore a 3.300–3.500 m sul livello del mare per una persona non acclimatata / da questa altezza generalmente vale la pena pensare all'acclimatazione /. Altezza delle altre notti: Il successivo aumento dell'altezza delle altre notti dovrebbe essere graduale nell'intervallo di 300–500 metri di altitudine al giorno. Questo è facile da dire, ma a volte è più difficile da fare. Sfortunatamente, questo è difficile da applicare su alcuni attriti. Vai alto – dormi basso: questa è un'altra regola classica per un buon acclimatamento. Durante il giorno, assicurati di muoverti con calma, anche 300 metri più in alto di quanto dormi. Alpinisti esperti, dopo aver raggiunto il campo dormitorio, se è nel punto più alto della giornata, spesso salgono da qualche parte in salita per arrivare più in alto del campo. Giorni di riposo: dopo ogni circa 1.000 metri di dislivello (4.500 m slm – 5.500 m slm, ecc.), è vivamente consigliato un giorno di riposo, in cui fermarsi in campeggio o „andare“ alla vedetta e assorbire l'altitudine. Idealisti e teorici raccomandano anche da 2 a 3 giorni di riposo, ma pochi possono sacrificarlo. Tuttavia, se hai quel tempo e c'è un posto dove andare in giro, questa opzione è sicuramente ottimale. Discese temporanee mirate: questo non è più così importante per noi viaggiatori o trekker, per i quali il limite di 6.000 m sul livello del mare è solitamente ragionevole nella prossima uscita. In breve: la durata dell'acclimatamento dipende, ovviamente, in gran parte dal punto più alto che devi superare o dal punto più alto della notte. A un'altezza di 4.000, di solito sono necessari tre giorni. Per una settimana di cinquemila.

Forme e manifestazioni del mal di montagna

Cosa può succederti se lo sottovaluti

Mal di montagna acuto (AMS): la forma più comune e più lieve di mal di montagna, sperimentata da quasi tutti coloro che sono aumentati molto rapidamente. I sintomi più comuni sono mal di testa, insonnia, affaticamento, perdita di appetito, nausea e vomito, intorpidimento. HAPE (High Altitude Pulmonary Oadema): questa è già una condizione molto grave. È possibile riconoscere la tosse con occasionale muco o sangue schiumoso. Grande fatica, a volte quasi impossibile alzarsi. HACE (High Altitude Cerebral Oadema): La condizione più grave, che spesso finisce con la morte, se non si risolve rapidamente! L'individuo colpito inizia spesso a comportarsi in modo folle, soffre di allucinazioni, può essere aggressivo o completamente apatico con l'incapacità di alzarsi. Perdita di coordinazione ed equilibrio – non sta in piedi. Può sembrare ubriaco. Insomma: non sottovalutare proprio il mal di montagna. Nella migliore delle ipotesi, rovinerai la salita o il trekking, in condizioni di salute più precarie.

Come combattere un focolaio di mal di montagna

Non vergognarti di scendere!

Sintomi lievi: se inizi ad avere sintomi lievi, come il mal di testa più comune, vedi AMS, cerca di aspettare a quell'altitudine il giorno dopo – i sintomi dovrebbero scomparire. Mal di montagna in peggioramento: se ignori i sintomi lievi e continui ad aumentare, è molto probabile che le tue condizioni peggiorino, a volte molto rapidamente. Solo la discesa sottostante aiuterà qui – spesso bastano solo 500–1000 metri di altitudine per migliorare la condizione. Condizione medica grave: se sottovaluti i sintomi in peggioramento, puoi anche sviluppare un gonfiore cerebrale mortale. L'unica salvezza qui è fondamentalmente la mossa più veloce possibile, il più in basso possibile. Inoltre, per lo più con l'assistenza di altri, perché non avrai più le capacità mentali e fisiche per farlo. Il limite di miglioramento è solitamente inferiore a 4.000 metri sul livello del mare. Insomma: se avverti i sintomi di un mal di montagna, non andare oltre. Se peggiorano, lubrificalo rapidamente se ti piace la salute.

Farmaco

Cosa può aiutarti

Le classiche pillole per il mal di testa spesso possono danneggiarti perché non scopri così rapidamente che i sintomi del mal di montagna stanno peggiorando. Diamox: usato spesso come prevenzione, ma anche come rimedio per il mal di montagna. Ha anche effetti collaterali. Desametasone: per edema cerebrale Nefidipina: per edema polmonare

Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Informazioni pratiche