Svizzera

Salita al Dom Festigratem

Alpi del Vallese

Lei scrisse 23 articoli e guarda lui/lei 10 i viaggiatori
Salita al Dom Festigratem
Inserito: 11.07.2022
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com
Adatto a:
Scalatori
Vogliono andarci:

Con i suoi 4545 m di altezza, la casa è la montagna più alta del massiccio del Mischabel, che si trova sopra la città svizzera di Saas-Fee. Idealmente, hai bisogno di tre giorni per scalarlo e superi i 3.000 metri di altezza. L'abbiamo percorsa lungo la cresta mista del Festigrat e abbiamo sperimentato venti di 50 km/h in cima.

In due
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com

In due

L'intera spedizione – due persone – è già partita sul Watzmann austriaco (2712 m), che potrebbe essere considerata una salita, e si è conclusa con una salita di mezza giornata a Frankejura, in Germania. A causa del numero limitato di membri, il nostro gruppo è stato molto flessibile in termini di pianificazione a causa del cambiamento del tempo e nel complesso ben coordinato. L'idea originale – salire (e acclimatarsi) sul Weissmies (4023 m) è fallita perché ha piovuto tutto lunedì. Martedì si è svolta la successiva via di più tiri sullo Jegihorn (3206 m), ma siamo stati costretti a doppiare dall'inizio del quarto tiro a causa delle persone sopra di noi.

Veduta del Duomo da Jegihorn

Dal centro della foto a sinistra: Alphubel, Täschhorn, Dom, Lenzspitze, Nadelhorn.

Veduta del Duomo da Jegihorn
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com
Veduta della casa da Zermatt
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com

Veduta della casa da Zermatt

Si accede a Dom da Randy Valley…

Domhutte

La salita al Dom parte dalla valle di Randy ed è bello avere tre giorni (compresa la discesa). Il rifugio Domhütte (2945 m slm) è un dislivello di 1500 m e ci si arriva in tre o quattro ore Il sentiero è parzialmente protetto da una parete d'arrampicata, particolarmente utile in discesa.

Domhutte
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com

Imbarco sul Festigrat

Scalare la cresta e l'alba. Dietro puoi vedere il massiccio Weisshorn (4505 m), che non puoi smettere di guardare. Ci siamo alzati alle tre e mezza e al buio abbiamo completato la parte bassa della salita del ghiacciaio Festigletscher e la salita alla Forcella Festijoch (3723 m) – una doppia salita per niente difficile, ma sulla via del ritorno sono tre doppie. Gli altri gruppi si dirigono verso il ghiacciaio Hobärg, dove si dirigono verso il Nadelhorn e lungo la lunga deviazione lungo la parete nord del ghiacciaio fino alla vetta – seguiamo la cresta, che è più breve, ma la salita è più impegnativa.

Imbarco sul Festigrat
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com
Festigrat
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com

Festigrat

Il pettine tiene bene in basso, è peggio in alto. Procediamo abbastanza svelti, non ci assicuriamo, la corda è principalmente „per il morale“.

Nubi sotto di noi
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com

Nubi sotto di noi

Le nuvole sono sotto di noi e si stanno muovendo verso l'alto. La maggior parte della cresta è dietro di noi, ma siamo lontani dalla cima

Caduta di neve
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com

Caduta di neve

È ancora sereno, ma il vento si sta alzando. Abbiamo raggiunto la vetta in un tiro di schioppo, ma questi passaggi in alto ci hanno ritardato di più. Abbiamo cercato di mettere in sicurezza continuamente i luoghi ghiacciati coprendoli con pietre. La vista sulla vallata è davvero perfetta.

In cima al mondo - 4545 m - Dom

Nonostante nella foto ci sia un sorriso, soffia il vento intorno a noi, adatto a una nautica da diporto molto sportiva (25 kn). La discesa finale alla piccozza dalla sella Gabel (detta anche Pt 4.479 m) non è stata tanto nella visibilità ridotta, i gradini a gradini erano una meraviglia. „Un selfie veloce e si parte“ concordammo senza parole. Sono passate da poco le dodici, volevamo essere qui prima.

In cima al mondo - 4545 m - Dom
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com

Panorama di discesa alla fine

Non abbiamo una sola foto del ghiacciaio Hobärg, perché non si potevano vedere luoghi raggiungibili a piedi. Tuttavia, il normale calo è passato rapidamente. L'immagine mostra il ghiacciaio Festi e nel terzo sinistro della roccia (dove inizia la neve) il luogo in cui si sale al passo Festijoch. La cima della casa non può essere vista da qui. Abbiamo ancora 500 metri di discesa fino al casolare. Il dislivello totale giornaliero è di 1.630 metri.

Panorama di discesa alla fine
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com

Panorama alla fine

Un panorama alla fine e almeno qualcosa di un po' verde. Weisshorn, Cervino, Monte Rosa e Mischabelgruppe nello scatto.

Panorama alla fine
Autore: Martin Lucký © gigaplaces.com
Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Informazioni pratiche

Grazie!

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Già valutato 0 i viaggiatori

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Devi essere loggato per inviare una recensione o