Macedonia

Articolo Angoli Pop Hook

Skialp nella Macedonia del Nord

Lei scrisse 24 articoli e guarda lui/lei 10 i viaggiatori
Angoli Pop Hook
Inserito: 02.03.2022
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com
Adatto a:
estremisti

Sai dove un cane ti ruba il segnalatore acustico? Nella Macedonia del Nord! Un mucchio di neve avrebbe dovuto attaccare, ma non è successo. Anche così, ci siamo davvero divertiti e abbiamo conquistato la vetta più alta della regione di Titov vrch – 2747 m („tvl, fucker after traverse“). Non posso biasimarti, ero con i ragazzi dei Monti Beskydy. La località di montagna Popova Šapka si trova non lontano dal confine con il Kosovo e ci siamo stati l'ultima settimana di febbraio 2022.

Trasferimento dalla Repubblica Ceca

Il trasloco dalla Repubblica Ceca è stato molto efficiente, ma abbiamo comunque trascorso tredici ore in viaggio. Eravamo in otto: un sindaco, un fotografo, due proprietari di imprese edili, un produttore di sci, un produttore dei migliori cappellini del mondo, un direttore vendite e un preside di scuola. L'elenco è lì, così si può vedere che alcuni „giovani bastardi“ (come mi è stato spiegato) non sono andati in viaggio, ma „vecchi“. Durante il nostro soggiorno a Popova Šapka, diversi cani si sono uniti a noi (alcuni individui volevano portarli a casa) e un Darko (vorrebbe tenermi). Denaro (denar macedone – tasso di cambio al momento del nostro viaggio: 1 MKD = 0,40 CZK), per favore non prelevare, puoi pagare ovunque in euro.

Trasferimento dalla Repubblica Ceca
Autore: Karel Kadlubiec © gigaplaces.com

Hotel Konak

I ragazzi ci hanno detto in anticipo che saremmo scesi dall'auto direttamente in hotel, quindi avremmo „fatto i bagagli in grandi borse – una persona che trasportava un bagaglio, in modo che potesse essere gettato nei furgoni“. loro ero cinque settimane dopo l'artroscopia del ginocchio (che, tra l'altro, era vero), quindi hanno tirato la mia borsa giù per la pista il nostro hotel aveva un nome distintivo – Konak, e non abbiamo fatto il nome in disgrazia.

Hotel Konak
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Vuoi un tempio o una moschea

Avevamo la Chiesa Ortodossa proprio di fronte all'hotel e ascoltavamo anche inni regolari, il minareto era in vista nella valle. In Macedonia puoi scegliere quale religione professi, loro vivono qui, sembrano pacificamente fianco a fianco. La maggior parte dei musulmani sono albanesi, prevale la fede ortodossa.

Vuoi un tempio o una moschea
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com
Non sottovalutare l'attrezzatura!
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com

Non sottovalutare l'attrezzatura!

La prima mattina in hotel, abbiamo accidentalmente fatto esplodere uno zaino da valanga. Si è scoperto che anche ai „vecchi bejci“ non piace leggere le istruzioni.

Salita all'Antenna

Cima Anteni – 2531 m abbiamo scelto la meta della prima giornata. A volte non era visibile per più di pochi metri. La nevicata sembrava promettente, ma il miracolo non è avvenuto. La salita è stata in alcuni punti ripida, abbiamo dato hardais.

Salita all'Antenna
Autore: Radim Kovář © gigaplaces.com
Sono emersi alcuni numeri
Autore: Viktor Polášek © gigaplaces.com

Sono emersi alcuni numeri

La discesa fu pari a diffusione e ghiaccio, ma i pochi centimetri di neve rendevano la superficie più sopportabile. Grazie a Viktor per avermi catturato, sembra che io stia usando i bordi.

Cane delle nevi
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Cane delle nevi

Il primo incontro con i cani locali è seguito subito dopo la discesa a valle alla ricerca dello „Ski rent Nordic bar“, dove volevamo pranzare (zuppa di manzo, carne, insalata, spaghetti – in realtà abbiamo ordinato quasi tutto quello che avevano lì ). I cani hanno zampe grandi e sembrano felici e sani. Vivono la loro vita al centro. L'immagine mostra un cucciolo, ovviamente.

Faremo un esercizio di valanga

Con questa immagine, sto lentamente arrivando alla confutazione della bufala introduttiva secondo cui i cani rubano i segnali acustici in Macedonia. Per favore, non rubare! Ma per essere sicuri, li abbiamo tenuti d'occhio per il resto del viaggio. L'incidente è davvero delizioso. Volevamo riempire il resto del pomeriggio in modo utile, quindi Viktor, Hejkal e io abbiamo deciso di nascondere i loro tre segnali acustici sul fianco della collina adiacente e simulare una valanga per il resto del personale – „cerca le bestie“. La simulazione ha funzionato. Sono stati emessi due segnali acustici a intervalli di diversi minuti. Quello che ho nascosto ma non ha inviato un segnale (beh, l'ho impostato su „invia“, ma mentre lo infilavo nella fessura del ghiaccio, si è spento…). Tuttavia, non significava nulla per i nostri combattenti. Raccolsero un segnale dai cani e si misero all'inseguimento di Pop's Hat. Ogni volta che si avvicinavano ai cani, percepivano un segnale. Ciò ha confermato la loro teoria. Nel frattempo, sono andato a farmi una doccia per scoprire che Viktor mi scriveva messaggi disperati, e poi lui chiamava dove, che avevo dato il cercapersone, che i ragazzi correvano su e giù per il villaggio e inseguivano i cani. C'è un record di trekking dall'orologio (@Petr Liška – chiedi agli sviluppatori di aggiungere la possibilità di caricare un file video.) Il nostro hotel può essere visto sullo sfondo dell'immagine dietro l'abete.

Faremo un esercizio di valanga
Autore: Markéta Fibigerová © gigaplaces.com

Veduta di Anteni

La cima di Anteni – 2531 m si trova sopra la parete rocciosa in alto al centro della foto (l'abbiamo aggirata da sinistra), la foto è stata scattata due giorni dopo, quando finalmente si è visto dove siamo effettivamente saliti. L'immagine mostra anche che alcuni membri non hanno abbastanza sci e tirano varie macchine (snowscoot) in montagna. Sappiamo tutti che è „duro come una mucca“ e che va in salita con gli sci corti, ma tutti lo supportiamo. Questo giorno è stato scritto 22.2. 2022. Alle 22:22 è stato quindi necessario ordinare Rakija e brindisi… forse con un sentimento consapevole per la prossima difesa dell'Ucraina.

Veduta di Anteni
Autore: Radim Kovář © gigaplaces.com
Secondo giorno
Autore: Radim Kovář © gigaplaces.com

Secondo giorno

Il cielo si allargò e finalmente fu un po' visibile. Abbiamo deciso di camminare per 800 metri fino alla cima della funivia a due posti (non ci andremmo comunque, cosa faremmo, vero?). Il resort era deserto. Come puoi vedere, il cane o la femmina del posto ci hanno fatto nuovamente compagnia. È salita con noi – fino a quota 2437 m e poi è scesa in sicurezza.

Vista sulla valle

Nel pomeriggio siamo andati a Tetovo. I ragazzi hanno deciso che avrei guidato e fatto le valigie in un furgone (una Pilsen per mano). Con le voci che mi avrebbero reso sette fratelli, siamo scesi lungo le serpentine, alla ricerca di panorami della città.

Vista sulla valle
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Tetovo

Tetovo è la quinta città più grande della Macedonia del Nord (la prima frase da wikipedia). Il primo posto in cui ci siamo diretti è stata una moschea dipinta del XV secolo. Libor probabilmente cercherebbe un altro patrimonio culturale, ma il resto di noi stava cercando qualcosa da mangiare.

Tetovo
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Moschea a Tetovo

Immagine della suddetta moschea – еарена џамија macedone (Šarena Džamija). La zona di Tetovo è stata abitata fin dall'età della pietra e ha una storia turbolenta. Attualmente la città è abitata da circa novantamila abitanti ed è significativa anche perché c'è un'università (basta storia storica).

Moschea a Tetovo
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Fai attenzione al soffitto

Non è consigliabile salire nel ristorante (soprattutto Hejkal). Abbiamo ordinato di nuovo tutto ciò che avevano da assaggiare. Un altro programma consisteva nel trovare uno shisha bar, una discoteca di Barcellona e parlare con diversi macedoni, tutti nella Repubblica Ceca.

Fai attenzione al soffitto
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Di solito è buio sotto il candeliere

L'alcol non viene servito solo ovunque. In effetti, c'è un divieto. Abbiamo girato tre volte per la piazza e percorso diversi chilometri prima di scoprire il bar Dante nascosto e successivamente siamo rimasti sorpresi dal prezzo basso (spesa 60 euro per una ventina di birre e due bottiglie di Prosecco). Fortunatamente per me, la ricerca dello sposo non è più avvenuta (passatempo preferito per tutta la settimana). Viktor ci portò di nuovo sulle serpentine e andammo a letto abbastanza bene.

Di solito è buio sotto il candeliere
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Viaggio a Titov vrch

Il terzo giorno si decise di fare una bella escursione. In effetti, abbiamo guardato la mappa il più lontano possibile e ci siamo andati. Dislivello 1150 m più uscita funivia, lunghezza percorso 21 km. Titov vrch è la montagna più alta della zona con i suoi 2747 metri. Fondamentalmente, sei già al confine con il Kosovo. Il viaggio significa diversi chilometri di traversata sotto le cime del Karabunar (2600 m) e del Bakardan (2700 m).

Viaggio a Titov vrch
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com
Attraversando
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Attraversando

Hai un crampo alla parte superiore della gamba, ma stai calmo, si girerà sulla via del ritorno. Non sarebbe bello se qualcuno scendesse. Resta da completare il racconto di come David e Hejkal hanno lavorato (usato) le funivie della biposto in partenza per accenderla per noi, ma Libor gliela ha rovinata all'ultimo minuto. Aveva ragione, era meglio scendere dalla sei posti, perché ci siamo collegati alla via, il che ci ha risparmiato inutili ripetute salite e discese.

Riunioni di gruppo

Il vento stava diventando più forte, la torre di avvistamento in cima al Tetovo Vrch era in vista (montagna nella foto a destra). Ci siamo nascosti per un po' sotto la roccia per concordare il passo successivo, quando davanti a noi è apparso anche un gruppo di skialp provenienti dall'altra parte. „Non hai sentito il ceco?“ „Perché stai sotto una roccia, shulins?“ „E perché stai guidando una motoslitta, eh?“ La motoslitta li scaricava sempre ai piedi della montagna, loro scendevano e poi la ruota si ripeteva. Ci è venuto in mente che la neve non ne valeva la pena. „Sei qui con Palic?“ Si può leccare di sopra senza gatti e senza piccozza, Robin? "" Sì, va bene, e oggi non ci sono valanghe. "

Riunioni di gruppo
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Torre di avvistamento sulla collina di Titov

In cima al Titova vrch c'è una torre di avvistamento con possibilità di bivacco e da lì si ha una magnifica vista sulle montagne circostanti. Lì soffiava un forte vento. Viktor tirò su gli sci e poi tornò giù velocemente. Ho perdonato gli ultimi duecento metri di ripida salita. Mi venne in mente che dovevo essere contento che il mio ginocchio reggesse e non esporre il gruppo a una possibile complicazione. Mi sono fermato sotto la roccia e ho preso il telefono per i miei genitori, che hanno chiamato per gli esami di ammissione, anche loro molto divertenti. La via del ritorno è stata più veloce e meno faticosa di quella di andata. Divisi in due gruppi, siamo tornati a Popova Šapka. Al piano di sopra alla funivia abbiamo incontrato Radim, che ha trascorso da solo quel giorno ed è andato un po' nella direzione opposta. Sarebbe davvero stupido fare questo viaggio in motoslitta e poiché è saggio, se ne è reso conto. Siamo andati direttamente a cena nei salti e ne è seguita un'altra serata sociale.

Torre di avvistamento sulla collina di Titov
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com
Inserto culturale
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Inserto culturale

„Sai cosa sono gli stinchi? Glajzy Ne “No, non è macedone… Babča con Kaša sum in chiesa. August e muvi vengono all'arena. Qual è il posto dove la nonna è la più chupata? La nonna dice a Kashi: "Kash, chiudi le orecchie, ecco i banjo, scuoti la merda del bardzo“. Non appena la faccetta lo dice sulle pizze, quindi mi assicurerò. "

Vista dal drone

Venerdì mattina abbiamo camminato per un chilometro per rilasciare il drone sull'altopiano e goderci più sci quel giorno.

Vista dal drone
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

Il berretto di Pop dall'alto

Era abbastanza decente guidare in un firn morbido. Abbiamo girato alcuni scatti, che ovviamente sembrano piatti. La corsa in funivia ci ha reso un po' amareggiati quando hanno cercato di venderci una corsa per 500 CZK. Come variante, offrivano l'opportunità di andare senza sci. Libor era incredibilmente deciso e inflessibile, e quando ha detto che non volevamo ricordare la Macedonia in questa luce, lo skilift ha risposto: „Non mi piace la Macedonia“. Non hai niente da dire a riguardo. Comunque in quel momento ci ha lasciato andare con gli sci e siamo partiti.

Il berretto di Pop dall'alto
Autore: Martin Novotný © gigaplaces.com

L'ultima sera

La serata è riuscita inaspettatamente fino alle ore del mattino (i fratelli gemelli hanno festeggiato i loro compleanni), quindi alle otto del mattino gettare tutto nelle borse e mettersi per un po' sulla via del ritorno sembrava un'idea folle. Ma l'energia era così buona che siamo stati in grado di concentrarci sulle esperienze di viaggio che avevamo programmato per il viaggio di ritorno. Nella foto abbiamo due fanciulle macedoni: una madre e una figlia. Le congratulazioni sono state ricevute su richiesta di Libor – una piccola sorpresa per i ragazzi.

L'ultima sera
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Lago Madre

Abbiamo concepito il ritorno in Boemia in modo abbastanza culturale: la mattina nel Mother Canyon, dove siamo saliti al monastero e poi ci siamo incontrati al lago, nel pomeriggio abbiamo visitato il bazar di Skopje e vagando per le strade adiacenti.

Lago Madre
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com

Skopje

Skopje alla fine. Ci aspettavano dodici ore di viaggio in Boemia, che impiegarono altre quattro ore per sostare al confine ungherese. I rapporti radiofonici dell'avanzata dell'esercito russo a Kiev fanno parte di questo. Radim ha deciso di inviare il conto del viaggio di tutti noi alla Croce Rossa. Ci auguriamo che il prossimo giro di sci alpino si svolga in tempo di pace.

Skopje
Autore: Libor Fojtík © gigaplaces.com
Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Articoli nelle vicinanze

Distanza 88 km
Lago di Koman

Lago di Koman

Distanza 101 km
Maledetto - Theth

Maledetto - Theth

Distanza 102 km
Oko Skakavice

Oko Skakavice

Distanza 105 km
Macedonia meridionale

Macedonia meridionale

Distanza 144 km
Tour dell'Antico Bar

Tour dell'Antico Bar

Distanza 174 km
Escursione al canyon di Uvac

Escursione al canyon di Uvac

Distanza 193 km
Durmitor - Lago Nero

Durmitor - Lago Nero

Distanza 225 km
Salita a Bosanski Maglić

Salita a Bosanski Maglić

Informazioni pratiche

Grazie!

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Già valutato 0 i viaggiatori

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Devi essere loggato per inviare una recensione o