Perù

Articolo Lare Trek

Trekking alternativo a Machu Picchu

Lei scrisse 4 articoli e guarda lui/lei 2 i viaggiatori
(1 valutazione)
Lare Trek
Inserito: 19.03.2019
© gigaplaces.com
Adatto a:
Turisti
Loro erano li:
Vogliono andarci:

La maggior parte dei cosiddetti trekking alternativi su Machu Picchu non sono in realtà trekking su Machu Picchu (come il Cammino Inca). Si tratta di trekking nelle montagne circostanti, che alla fine si collegano al Cammino Inca o ti portano ad Aguas Callentes (principalmente in treno o autobus), da dove prendi un autobus fino a Machu Picchu. Per quanto ne so, nessun trekking oltre al Cammino Inca ti porterà a Machu Picchu da sopra la Porta del Sole. Ma ciò non significa che questi trekking non siano interessanti, anzi.

Calca

Ci stiamo imbarcando nel cosiddetto sentiero combinato Lares + Short Inca. La prima parte, ovvero Lares Trek, inizia la mattina presto a Cuzco, da dove il minibus ci porta dopo circa due ore di macchina al villaggio di Calca, dove c'è un mercato, cioè l'ultima possibilità di fare provviste.

Calca
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Lari

Dopo altre 2 ore di guida su una bella strada di montagna, iniziamo il trekking stesso in modo non convenzionale: visitando le terme nel comune di Lares. Facciamo il bagno in acqua calda e facciamo colazione. Probabilmente una preparazione psicologica per smettere di preoccuparsi di ciò che accadrà. Aiuta un po'…

Lari
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

L'inizio del trekking

Poi guidiamo ancora un po', e finalmente la guida ci lascia sulla strada. Il prossimo giorno e mezzo andremo solo in salita.

L'inizio del trekking
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Cascate di Qanchis Paccha

Per pranzo ci fermiamo in una base turistica nel villaggio di Hatun Queuna (un luogo murato dove possiamo costruire un rifugio). Poi proseguiamo in salita, dopo circa 2 ore abbiamo davanti a noi queste bellissime cascate.

Cascate di Qanchis Paccha
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Primo pernottamento

Arriviamo in riva al lago, dove pernotteremo. Purtroppo non in quella bella casa di pietra, ma in una tenda. Siamo a quota 4000 m, di notte ci sarà una bella falce.

Primo pernottamento
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Mattina vista sul lago

Al mattino partiamo intorno al lago e più in salita e sfruttiamo i momenti in cui si alza la nebbia per fare foto (più alta, più nebbia, a volte piove anche, per un po' cade anche la grandine)

Mattina vista sul lago
Autore: Roman Kučera © gigaplaces.com

Passo del Condor

Il passo a quota 4650 m è il punto più alto dell'intero trekking. Respiro come una locomotiva per gli ultimi 150 metri, anche se camminiamo lentamente. La guida mi propone che posso andare a cavallo, cosa che rifiuto, ma alla fine mi piace affidare il mio zaino all'hobby per non ritardare gli altri, perché mi fermavo ogni 10 metri per riprendere fiato. La guida misura il contenuto di ossigeno nel nostro sangue, dicono che va tutto bene. Un'altra mossa psicologica intelligente, mi sento meglio in questo momento. O è perché non andiamo più in salita?

Passo del Condor
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Cancha Cancha

Il luogo di pernottamento è il villaggio di Cancha Cancha. Un luogo accessibile solo a piedi, dalla civiltà più vicina è una giornata di camminate in salita. Le persone vivono qui come nel XV secolo nell'era Inca (i cui discendenti parlano solo la lingua quechua). La sera andiamo a visitare una delle case, che sono costruite in pietra e fango, il tetto è di paglia. Una grande stanza con camino in pietra dove arde il fuoco perché di notte fa freddo. I porcellini d'India, allevati per la carne e la pelliccia, corrono per terra. Qui vengono coltivate patate e quinoa e, naturalmente, lama e alpaca pascolano tutt'intorno. Quando qualcuno cresce più di quanto consuma, va in città, dove lo scambia con qualcos'altro al mercato. Se c'è un posto al mondo in cui il tempo si è fermato per 500 anni, è qui. Ma questi villaggi non sopravviveranno a lungo. I vecchi coloni vivono qui, ma i loro figli preferiscono trasferirsi nelle città e ovviamente nessun nuovo viene qui volontariamente.

Cancha Cancha
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Cancha Cancha al mattino

Dopo un'altra notte in tenda, al mattino andiamo a visitare la seconda casa. È esattamente lo stesso del primo, ma lì abita mia nonna al posto di mio nonno. Ci ha mostrato come usare le pietre per macinare il mais in farina. Poi scendiamo il fiume. Il mandriano che guida i lama al pascolo è un nostro conoscente, con il quale abbiamo visitato ieri.

Cancha Cancha al mattino
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Discesa al villaggio di Puente Charan

Solo due ore e la vegetazione circostante cambia drasticamente con il diminuire dell'altitudine, c'è già una giungla regolare. La parte turistica del trekking termina a mezzogiorno nel villaggio di Puente Charan, dove il nostro fiume sfocia in Urubamba. Dopo pranzo salutiamo la scorta, la guida ci carica sul bus e andiamo a vedere le saline.

Discesa al villaggio di Puente Charan
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Miniere di sale di Maras

Questo viaggio è stato una specie di ciondolo a Lares Trek per uccidere il resto del pomeriggio del terzo giorno. Tematicamente, si inserisce nel concetto di trekking, che, oltre alle bellezze delle montagne, dovrebbe mostrare uno stile di vita tipico, che è persistito in alcuni luoghi delle Ande fin dall'epoca pre-nazista. Le miniere di sale sono un tale esempio, hanno detto che erano già qui prima dell'Impero Inca, solo gradualmente il numero di piscine in cui viene catturata l'acqua salata naturale e il sale è ottenuto per evaporazione è aumentato da diverse decine a diverse migliaia. Ecco come appare oggi.

Miniere di sale di Maras
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Urubamba-inizio del breve Cammino Inca

Dopo aver soggiornato in hotel alla stazione di Ollantaytambo (finalmente la civiltà!) Al mattino prendiamo un treno lungo Urubamba, scendiamo in mezzo al nulla, attraversiamo il ponte sul fiume e ci uniamo al Cammino Inca.

Urubamba-inizio del breve Cammino Inca
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com

Obiettivo ambito da Machu Picchu

Non descriverò in dettaglio il Cammino Inca abbreviato qui, ma l'ultima foto deve ovviamente mostrare l'obiettivo di tutto il nostro sforzo. L'intero Cammino Inca corto è in realtà un viaggio di un giorno, conduce intorno ad altri due siti archeologici e termina con un'ascesa alla Porta del Sole (Intipunku), da dove c'è la giusta vista di Machu Picchu. Mentre alcune versioni dei trekking funzionano in modo che i turisti trascorrano la notte in tenda appena sotto la Porta del Sole e si arrampichino la mattina per godersi l'alba su Machu Picchu, abbiamo scattato alcune foto la sera, abbiamo preso l'autobus fino ad Aguas Calientes e il giorno dopo siamo saliti sull'autobus la mattina prima dell'alba, siamo tornati a Machu Picchu, dove abbiamo trascorso mezza giornata; l'abbiamo combinato con una salita facoltativa e prenotata sulla collina di fronte a noi chiamata Huayna Picchu. Ma questo è un altro rapporto…

Obiettivo ambito da Machu Picchu
Autore: Vladimír Kučera © gigaplaces.com
Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Informazioni pratiche

Grazie!

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Già valutato 1 viaggiatore

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Devi essere loggato per inviare una recensione o