Croazia

Visita della città di Dubrovnik

Perla dell'Adriatico

Lei scrisse 119 articoli e guarda lui/lei 11 i viaggiatori
Visita della città di Dubrovnik
Inserito: 15.04.2021
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Adatto a:
Lettini da spiaggia
Turisti
Escursioni
vacanzieri
Loro erano li:

Dubrovnik si trova nell'estremo sud della Croazia. È la sua exclave, separata dal resto della Croazia da un breve tratto di costa appartenente alla Bosnia ed Erzegovina. La città ha una ricca storia, che qui si può vedere ad ogni passo, cioè piuttosto una scalinata. Dubrovnik si trova su un ripido pendio, quindi qui non troverai molti posti senza barriere. Per gli amanti della serie Thorns, questa è una Mecca da non perdere.

Repubblica di Ragusa

Questa città portuale ha sempre prosperato grazie al commercio marittimo. Nel medioevo fu il centro della Repubblica di Dubrovnik, una repubblica navale che gareggiava con simili unità governative della costa adriatica. La repubblica conobbe l'apice della sua potenza e prosperità nei secoli XV e XVI, in collaborazione con Ancona – le rotte Dubrovnik, Ancona, (Firenze) e Fiandre facevano da contrappeso alla Repubblica di Venezia – le rotte di Venezia, Austria e Germania. Nel XVI secolo, 180 grandi navi formarono l'enorme flotta di Dubrovnik. La città fu fortificata con mura attorno al suo perimetro.

Repubblica di Ragusa
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Cancello d'ingresso Ploče

Due porte conducevano alla città da entrambi i lati dello stretto originario (Pile e Ploče). Attraverso la Porta di Ploče, che si trova a sud-est, è possibile raggiungere il centro storico dal quartiere omonimo. Puoi vedere il porto proprio dietro l'ingresso.

Cancello d'ingresso Ploče
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Molo vicino al centro storico

Appena fuori dal cancello di Ploče si ha una vista sul molo. Da qui puoi prendere una barca per due isole vicine vicino a Dubrovnik – Koločep (nell'arcipelago delle Isole Elafiti) a ovest della città di Lokrum, a sud di Dubrovnik.

Molo vicino al centro storico
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Le mura della città

La città vecchia di Dubrovnik è circondata da possenti mura, che si sono conservate fino ad oggi. Si può camminare lungo il biglietto d'ingresso, è una passeggiata di quasi 2 km e sotto di te è profonda 25 metri e la loro larghezza è di 4–6 m e dal lato mare 1,5–3 m.Le mura furono costruite in epoche diverse, da 13. al XVII secolo. Sono completati da torri e fortezze di massa.

Le mura della città
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Torre Minceta
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Torre Minceta

Iconica per la città è la torre sul lato nord della cinta muraria, Minčeta, monumentale a pianta circolare. Fu completata nel 1464. Alla sua realizzazione parteciparono numerosi costruttori. L'impulso per la sua costruzione fu la caduta di Costantinopoli nel 1453.

Fortezza di San Giovanni

La fortezza sul lato sud-est delle fortificazioni della città fu costruita nel 16° secolo e proteggeva il porto tradizionale di Dubrovnik dagli attacchi del mare. Fu costruito dal costruttore di Dubrovnik Paskoje Miličević. La fortezza è seguita da un molo con un faro alla fine.

Fortezza di San Giovanni
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Torre di Bokar e Fortezza di Lovrijenac

Un'altra delle torri sulle mura si trova sul lato ovest delle fortificazioni cittadine, la torre Bokar, costruita tra il 1461 e il 1463 su progetto del costruttore fiorentino Michelozzo Michelozzi. È anche conosciuto come Zvijezdan. Una fortezza indipendente Lovrijenac si erge a 37 metri sul livello del mare attraverso la baia dalla torre. Il suo significato storico risiedeva nelle battaglie contro gli attacchi della Repubblica di Venezia. Viene utilizzato per vari eventi culturali o matrimoni.

Torre di Bokar e Fortezza di Lovrijenac
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Cancello del mucchio

Alla fortezza è anche il secondo degli ingressi principali alla città – Pile. Porta anche il nome del quartiere adiacente. C'è una fermata principale dell'autobus di fronte al cancello. Dubrovnik fornisce un servizio di autobus relativamente trafficato, quindi puoi raggiungere il centro da una parte più remota della periferia.

Cancello del mucchio
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Convento francescano
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Convento francescano

Proprio dietro la Porta della Pile si trova il primo monumento costruito nel 14° secolo nel convento francescano con l'adiacente chiesa di Cristo Salvatore (croato Crkva svetog Spasa) del 1520. Il portale gotico-rinascimentale è uno degli elementi dell'edificio sopravvissuto al devastante terremoto di fine '600.

La Grande Fontana di Onofrio

Davanti al monastero non si può trascurare la Fontana Grande di Onofrio. Si tratta di una fontana poligonale con 16 statue di volti che sputano acqua, l'autore è il napoletano Onofrio della Cava ed è stata costruita per uso pubblico, insieme ad una fontanella sull'altro lato di Platza. La fontana è un simbolo del sistema di approvvigionamento idrico della città, creato nel 1438 attingendo acqua dal fiume Dubrovačka, a 12 chilometri di distanza. Il canale è ancora integrato nella nuova rete idrica. Il soffitto a tutto sesto della fontana non è stato riportato alla sua forma originaria perché danneggiato da un terremoto nel 1667.

La Grande Fontana di Onofrio
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Stradun - strada principale
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Stradun - strada principale

Stradun è la strada principale e il lungomare di Dubrovnik. Qui troverete famose gelaterie, oltre ad altri negozi.Nel 1667 il paese fu quasi distrutto da un forte terremoto, che uccise circa 5.000 persone. Il centro storico della città con la sua cattedrale romanica, palazzi gotici e rinascimentali, chiese e monasteri crollò. La ristrutturazione è stata poi eseguita secondo un piano moderno con una rete di strade ortogonali tra loro. Le nuove strade furono orientate perpendicolarmente alla via principale Stradun, il loro aspetto e la loro larghezza furono realizzate secondo il modello veneziano. Sebbene la città abbia riacquistato la sua gloria e splendore originali, un certo numero di edifici unici di architettura rinascimentale e stili più antichi furono distrutti. Dopo il restauro, il nucleo di Dubrovnik ha acquisito un carattere barocco.

Palazzo Sponza e la torre dell'orologio

Il Palazzo Sponza è un palazzo gotico-rinascimentale costruito secondo il progetto del maestro di Dubrovnik Paskoje Miličević e lo troverete proprio alla fine della passeggiata Stradun, proprio alla sua testa. Accanto si trova la torre dell'orologio, dove l'ora viene visualizzata digitalmente tramite finestre apribili con numeri romani, ogni cinque minuti.

Palazzo Sponza e la torre dell'orologio
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Palazzo del Principe

Il Palazzo del Principe – l'ex sede del governo e del principe della Repubblica di Dubrovnik è oggi un museo storico-culturale. Il nome originario di Dubrovnik era Ragusa. Il nome Dubrovnik è di origine slava e con italiano, risp. Il nome latino Ragusa ha convissuto per diversi secoli. Il nome latino è apparso in varie forme già nel X secolo. Il nome ufficiale della Repubblica di Dubrovnik era in latino, risp. Italiana fino al 1808 Repubblica Ragusina. Il nome slavo Dubrovnik apparve per la prima volta nel XII secolo, si diffuse ampiamente a cavallo tra il XVI e il XVII secolo in connessione con l'arrivo di una popolazione slava più numerosa nella città.

Palazzo del Principe
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Cattedrale dell'Assunta

Di fronte al Palazzo del Principe troverai un altro punto di riferimento della città vecchia: la Cattedrale dell'Assunzione della Vergine Maria. Sorse sul luogo di una più antica chiesa bizantina, distrutta da un terremoto nel 1667 dopo numerosi rimaneggiamenti e ricostruzioni­.L'attuale cattedrale fu edificata in stile barocco tra il 1671 e il 1713.

Cattedrale dell'Assunta
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Le strade di Ragusa
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Le strade di Ragusa

Dopo il terremoto, che distrusse gran parte della città, secondo il sovrano si sarebbero formate nuove strade parallele al lungomare principale. Offrono finestre lunghe, per lo più scale in cima. Anche il centro storico è adagiato su due colli. Solo il lungomare è rettilineo, da cui le scale conducono su entrambi i lati.

Hamby di strada

Puoi spostarti per la città da diverse agenzie verso i luoghi conosciuti dalla serie Il Trono di Spade, che di recente ha inserito la città tra i primi 10 luoghi popolari tra i turisti. Sfortunatamente, la città ha sofferto molto. Questo vicolo Uz Jezuite, che porta alla chiesa di S. Ignatius, è conosciuto come lo street hamby della serie.

Hamby di strada
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

L'interno della chiesa di S. Ignazio

Dopo aver salito le scale „hamby“ troverete il monastero dei Gesuiti e la chiesa di Sant'Ignazio in stile barocco. All'interno del complesso operava in passato anche la scuola Collegium Ragusinum. Se vuoi puoi entrare e ammirare gli interni splendidamente dipinti.

L'interno della chiesa di S. Ignazio
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Spiaggia della città di Banje

Sul lato sud-est della città, a pochi passi dalla porta di Ploče, si trova una pittoresca spiaggia cittadina per rinfrescarsi nei mesi estivi. Qui troverete i servizi necessari e uno snack bar. Vale la pena vedere le mura della ripida città di Dubrovnik mentre si nuota nel mare turchese.

Spiaggia della città di Banje
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Strade ripide verso le colline
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Strade ripide verso le colline

A causa della posizione della città su una ripida scogliera, i sobborghi circostanti sono spinti in alto sulle colline. I vicoli sono stretti e pieni di scale. Ogni sorta di flora trabocca dai muri delle case accatastate l'una vicino all'altra. Particolarmente popolare è il glicine in fiore viola, che completa l'impressione romantica.

Viste di arrampicata

Salendo i vicoli verticalmente verso l'alto, ci sono viste sul centro storico e sui tetti rossi delle case circostanti.

Viste di arrampicata
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Porto di Gruž e ponte Franjo Tuđman

Anche il porto di Gruž, che si trova pochi chilometri a nord-ovest del centro storico, è di grande importanza per l'economia della città. Qui troverai yacht di lusso, enormi piroscafi e barche a vela storiche. Nel porto c'è anche un mercato con materie prime fresche di produzione locale, siano esse verdura, frutta o pesce. La costruzione originale del ponte è stata sviluppata nel 1989, ma la costruzione è stata interrotta all'inizio della guerra d'indipendenza croata e il ponte non è stato completato fino al 1998.

Porto di Gruž e ponte Franjo Tuđman
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Funivia sopra la città
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Funivia sopra la città

Dal 2010 è possibile prendere comodamente una funivia fino alla scogliera sopra il paese. In alternativa, puoi percorrerlo come facciamo noi quando la funivia non è fuori stagione. La cima chiamata Srđ si trova a 412 m dal mare.Oltre a panorami mozzafiato, troverai anche il Forte Imperiale e il memoriale dei combattimenti nella guerra jugoslava.

Dubrovnik nel palmo della tua mano

I panorami dal terminal della funivia sono davvero belli. Puoi vedere la città vecchia racchiusa dalle mura, le isole circostanti, il porto di Gruž e l'infinito Mar Adriatico. Quando si scende per un sentiero frastagliato sotto la funivia, se si sceglie questa opzione (consiglio delle buone scarpe da trekking, il sentiero è molto roccioso), passerete davanti a una maglia a croce con una rappresentazione artistica della via di Cristo su lastre di metallo.

Dubrovnik nel palmo della tua mano
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com

Città vecchia di Ragusa

E l'ultimo primo piano della città vecchia di Dubrovnik arrivederci. Questo posto è davvero speciale, ha una storia incredibile che è evidente fino ad oggi. Sarebbe un peccato averlo rovinato da una massa di turisti, che non si godranno nemmeno la città per la folla stessa. Abbiamo avuto l'opportunità di fargli visita durante il covid e la bassa stagione ad aprile ed è stata un'esperienza indimenticabile. Camminare per la città deserta dopo il tramonto era come camminare in un castello dopo l'orario di chiusura.

Città vecchia di Ragusa
Autore: Dominika Charvátová © gigaplaces.com
Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Informazioni pratiche

Grazie!

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Già valutato 0 i viaggiatori

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Devi essere loggato per inviare una recensione o