Isole Faroe

Tour dell'isola di Kalsoy

L'isola dove “è morto“ James Bond.

Tony Výborný
Lei scrisse 61 articoli e guarda lui/lei 8 i viaggiatori
Tour dell'isola di Kalsoy
Inserito: 19.01.2023
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com
Adatto a:
I viaggiatori
Loro erano li:
Vogliono andarci:

Modo

Dal porto (a parte qualche piccola deviazione) c'è praticamente l'unica strada che si estende lungo tutta l'isola. È lungo 18 km e largo in media solo circa 2 km.

Modo
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Pecora

La metà del percorso è lungo la costa dove pascolano le pecore. Alcuni sono meravigliosamente soffici.

Pecora
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Pecora

Altri hanno i dreadlock adeguati.

Pecora
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com
Pecora
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Pecora

Per lo più corrono solo su pendii erbosi in pendenza che sono bagnati e molto scivolosi. Anche se hanno gli zoccoli, altrimenti probabilmente finirebbero spesso in mare dopo essere caduti dalle scogliere.

Vista dell'isola di Kunoy

A nord-est, le nuvole si sono leggermente aperte e il raggio di sole ha delineato la vista del villaggio di Kunoy sull'omonima isola vicina.

Vista dell'isola di Kunoy
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

La fine del viaggio lungo la costa

A metà dell'isola, il viaggio lungo la costa termina per un po'.

La fine del viaggio lungo la costa
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Tunnel

La seconda metà del viaggio conduce attraverso 4 stretti tunnel.

Tunnel
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Serpentini

Nella parte settentrionale dell'isola, il sentiero termina con diversi tornanti fino a raggiungere il villaggio di Trøllanes.

Serpentini
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Monte Nestindar

Sopra il villaggio sorge la montagna più alta e più alta dell'isola – Nestindar (788 m).

Monte Nestindar
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Escursione al faro di Kallur

Dal piccolo villaggio di Trøllanes con soli 13 abitanti, un sentiero conduce a uno dei fari più iconici delle Isole Faroe.Il percorso non è molto difficile, sale su una dolce collina e l'ostacolo più grande sono gli escrementi di pecora. Tuttavia, è necessaria una maggiore cautela dopo la pioggia.

Escursione al faro di Kallur
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Monte Borgarin

L'intero percorso si snoda intorno al bellissimo monte Borgarin (537 m), il cui versante orientale è un dolce pendio erboso e quello occidentale è una rupe quasi verticale che porta al livello del mare.

Monte Borgarin
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Faro di Kallur

Il faro in sé non è molto interessante. Ciò che rende questo posto fantastico è l'ambiente circostante.

Faro di Kallur
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Vista del faro

Uno stretto sentiero conduce alla vista più bella del faro di Kallur con il Monte Borgarin sullo sfondo. Anche se a prima vista non sembra così, con vento forte e tempo umido, poche persone osano camminare lungo il sentiero fino al punto panoramico. Con il bel tempo, guardando a ovest, puoi vedere la formazione rocciosa del Gigante e della Strega.

Vista del faro
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Monumento a James Bond

Sì, questo è il luogo esatto in cui è morto James Bond in „No Time to Die“.

Monumento a James Bond
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

La costa di Trøllanes

Appena sotto il villaggio di Trøllanes c'è una bellissima costa rocciosa.

La costa di Trøllanes
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Mikladalur

La tappa successiva è il villaggio di Mikladalur, che è il villaggio più grande dell'isola. Il villaggio è noto per diverse leggende. C'è anche una cascata e una bellissima costa con scogliere e grotte.

Mikladalur
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com
Mikladalur
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com

Mikladalur

La tappa successiva è il villaggio di Mikladalur, che è il villaggio più grande dell'isola. Il villaggio è noto per diverse leggende. Marjunar Hav è una gigantesca lastra di pietra che pesa 287,5 kg. „Hav“ è il termine faroese per una pietra pesante che le persone erano solite sollevare per mostrare la propria forza. La leggenda di Marjunar Hav racconta della serva Marjun rimasta incinta fuori dal matrimonio, cosa punibile con la morte nel XVI secolo. Prima della sua morte, sollevò questa pietra con una mano e dichiarò che sarebbe stata la sua unica eredità. Molti poi tentarono invano di sollevarlo.

Sigillo donna

Proprio sotto il villaggio c'è una famosa statua di una foca femmina. La gente del posto credeva che le foche fossero persone che cercavano volontariamente la morte nell'oceano. Una volta all'anno avevano il permesso di scendere a terra, spogliarsi della pelle e ballare come esseri umani. Un giovane contadino del villaggio di Mikladalur non voleva credere alla storia, così una sera andò ad appostarsi sulla spiaggia, dove vide arrivare a riva un gran numero di foche. Lì si spogliarono delle loro pelli, che poi stesero sulla spiaggia e danzarono come esseri umani. Il ragazzo scrutò una ragazza che aveva messo la sua pelle vicino a dove si nascondeva e rubò la pelle in modo che non potesse tornare in mare. Quando il sole cominciò a fare capolino al mattino, tutte le foche si rivestirono delle loro pelli e tornarono in mare. La ragazza foca era molto turbata quando non riusciva a trovare la sua pelle, anche se il suo profumo aleggiava ancora nell'aria, e poi l'uomo Mikladalur apparve e la tenne stretta ma non volle restituirla nonostante le sue suppliche disperate. Fu così costretta a partire con lui nella sua fattoria, dove la tenne in moglie e lei gli diede diversi figli. Per tutto il tempo tenne nascosta la pelle di foca chiusa nel baule e aveva sempre con sé la chiave. Un giorno, andando a pescare, ha dimenticato la chiave a casa. Quando lo scoprì, si rese conto che quel giorno avrebbe perso sua moglie. E così è successo, e al suo ritorno ha trovato in casa solo bambini abbandonati. Quando la foca tornò al mare, la foca che l'aveva amata per tutto questo tempo la stava aspettando. Qualche anno dopo, la donna foca apparve in sogno al contadino e chiese a lui e agli abitanti del villaggio di non uccidere le foche che vivevano nella grotta, perché erano la sua famiglia. Il giorno dopo, quando andarono a caccia, ignorarono la sua richiesta e uccisero la foca. Poi la sera, mentre stavano cucinando la loro carne, una donna foca apparve lì sotto forma di un minaccioso troll e lanciò una maledizione sull'intero villaggio: vendetta sugli uomini di Mikladalur, alcuni sarebbero morti in mare, altri sarebbero caduti da le cime delle montagne, finché ci furono tanti morti che se si unissero le mani, abbraccerebbero l'intera isola di Kalsoy.

Sigillo donna
Autore: Tony Výborný © gigaplaces.com
Applausi l'autore dell'articolo!
Condividilo:

Articoli nelle vicinanze

Distanza 11 km
Escursione a Klakkur

Escursione a Klakkur

Distanza 13 km
Klaksvik

Klaksvik

Distanza 22 km
Sassone

Sassone

Distanza 24 km
Tour dell'isola di Streymoy

Tour dell'isola di Streymoy

Distanza 33 km
Torshavn

Torshavn

Distanza 40 km
Kirkjubøur

Kirkjubøur

Distanza 512 km
Jokulsalron

Jokulsalron

Distanza 544 km
Salita a Kristínartindar

Salita a Kristínartindar

Distanza 546 km
Skye

Skye

Informazioni pratiche

Grazie!

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Già valutato 0 i viaggiatori

Sei stato lì? Scrivi una recensione su questo posto

Devi essere loggato per inviare una recensione o